Zahar, vini di qualità nella valle del Breg

Zahar, vini di qualità nella valle del Breg

Sul declivio dell’altopiano carsico, in una piccola frazione di San Dorligo Della Valle (Ts) denominata Sant’Antonio in Bosco, abbiamo scoperto la culla di una piccola azienda familiare che ha saputo sfruttare al meglio la poca terra a sua disposizione.

Parliamo di Zahar, piccola realtà che discende da diverse generazioni di agricoltori ed allevatori di bestiame, ora convertita nella produzione di vini e olio di qualità.

Il territorio è la valle del Breg, storicamente legata ad avvenimenti e battaglie sin dall’epoca romana, formatasi per il fenomeno carsico di erosione.  Il terreno che la compone è chiamato ponca, un mix di marne ed arenarie sedimentate, ricchissime di calcari.

Ci intratteniamo con Tania per scoprire il percorso della sua azienda, che a partire dal 2009 mette in produzione le prime bottiglie.

Prima di questa data tutta la produzione veniva venduta sfusa durante l’attività di “Osmiza”, modalità che risale all’epoca della Trieste asburgica, quando ai contadini, in prevalenza sloveni, era permesso di aprire per otto giorni la cantina e vendere i propri prodotti al pubblico.

Tania ci accompagna nel cuore dell’azienda Zahar, una cantina che pare un rifugio inviolabile, interamente interrata: risale all’epoca della costruzione della ferrovia austroungarica, che passa lì a ridosso. Da una possente volta in pietra entriamo nel luogo più adatto alla conservazione e affinamento. Tra botti e vasi vinari cerchiamo di scoprire piccoli segreti e le particolarità di questi vini.

Micro produzioni ma grande qualità, così assaggiamo senza indugiare la Vitovska in versione spumantizzata e rifermentazione sui propri lieviti, si esprime con un articolato ventaglio aromatico, un gusto prevalentemente sapido con sfumature salmastre, tipiche di questa varietà.

Sorprendente anche una versione spumantizzata di Refosco vinificato in bianco, permanenza sui lieviti di 12 mesi, tutto da scoprire!

In casa Zahar si continua la ricerca della qualità, ogni vendemmia determina scelte e soluzioni diverse anche in cantina, nasce così Sonček, affascinante blend composto da Vitovska 30%, Friulano 30% e Malvasia 40%, una leggera macerazione sulle bucce e affinamento in botte lo rendono armonico e persistente al gusto.

Rimaniamo però conquistati dalla forza espressiva della Malvasia istriana coltivata in questi piccoli vigneti terrazzati, una versione 2015 di grande personalità, 10 giorni di macerazione sulle bucce e 12 mesi di passaggio in botte ne fanno un vino di gran carattere. L’impressione è che possa attraversare il tempo, esuberante e intenso ci invade il palato di minerale, salmastro e un carattere speziato suo proprio.

Più fresca e scorrevole è la Malvasia 2016 nella versione con macerazione corta (2 giorni), che ci regala sensazioni

meno intense ma una gradevolezza prolungata.

Libera scelta e predisposizione alla sperimentazione sono i punti cardini in casa Zahar, naturalmente con un occhio di riguardo a quello che ogni singola annata suggerisce di fare!

Dal 2014 tutte le lavorazioni in vigna seguono il regime in uso nel sistema biologico e biodinamico, dal 2017 è iniziato il percorso per l’ottenimento della certificazione bio ufficiale.

Azienda agricola / Kmetija / Farm
Zahar di Tania Stefani
S. Antonio in Bosco – Boršt 58
Dolina Trieste (TS)

 facebook.com/zaharaziendaagricola
 info@zahar.it
 Mappa / Zemljevid / Map

 

                                         

Print Friendly, PDF & Email

Condividi