Vignis di Marian, vini Friulani che emozionano

Vignis di Marian, vini Friulani che emozionano

Se c’è una considerazione che dobbiamo fare in prima battuta dopo aver incontrato Franco Visintin è proprio questa: le sue parole scorrono come un fiume in piena e il nostro orecchio si riempie di tratti poetici, piccole false modestie, punti di vista sul presente e ambizioni nascoste per il futuro.

Quello che colpisce di questa puntiforme Azienda Vinicola a Mariano del Friuli (Go) è molto semplice: Vignis di Marian rimane un sogno, un percorso paziente e fiducioso dietro cui si cela una determinazione feroce del suo protagonista.

Ci troviamo tra piccoli vigneti di pianura, a due passi scorre il fiume Isonzo, generoso d’acqua e buone sostanze minerali, la Doc è Friuli Isonzo.

L’azienda Vignis di Marian si concentra su una piccola produzione di qualità, una superfice vitata di 1,5 ettari che genera una media di 7.000 bottiglie suddivise in 3 etichette: Friulano e Chardonnay come bianchi e un rosso di taglio bordolese (merlot/cabernet sauvignon).

Con dovizia di particolari Franco ci descrive il suo costante impegno nel produrre questo vino rosso, dove concentra tutta la sua passione, sperimentazione e rispetto del prodotto.

Nella produzione di un vino di qualità sarà sempre essenziale l’effetto ambientale, il clima e i sistemi di viticoltura, ma l’uomo rappresenta sempre l’elemento centrale della realtà produttiva, con le sue intuizioni e anche i suoi azzardi. Le sensazioni organolettiche che percepiamo all’assaggio saranno il risultato di interventi e pratiche enologiche che nel caso di Vignis di Marian vengono comunque ridotte al minimo, lasciando che il vino si evolva in modo naturale.

Quello che assaggiamo è il Rosso 2016, 50% Merlot e 50% Cabernet Sauvignon, da uve selezionate e raccolte a mano riposa un anno in cisterna di acciaio per poi affinare il secondo anno in barrique di 2° passaggio. Rosso 2016 è il risultato di una stagione abbastanza difficile: solo la pazienza di selezionare le uve migliori dopo una grandinata ha permesso di raggiungere un risultato eccellente. Nitido nel colore rosso rubino, sfodera una buona intensità e limpidezza; al naso appare espressivo e ricco di profumi fruttati ben equilibrati e inseriti in una leggera vena vegetale, un delicato accenno di speziatura ne completa la cornice olfattiva. In bocca si sente una bella morbidezza, frutto di un lento lavorio del legno, che non toglie però la freschezza del frutto rosso, sempre predominante. Da notare la buona sensazione di scorrevolezza al palato, con i tannini ben definiti ma delicati, in armonia con la parte acida.

Nella versione 2017 arriva un cambio di programma: la percentuale di uve Merlot sale al 70% e 30% Cabernet Sauvignon, il passaggio in barrique si riduce a 6 mesi. Al naso si riscontrano subito i cambiamenti organolettici: aumenta la componente fruttata con nitidi sentori di ciliegia matura, mora , lampone, mentre in bocca si fa più marcata la parte morbida. Rispetto all’annata 2016 risulta più immediato, perde un po’ in complessità acquistando quelle doti di immediatezza e ottima bevibilità.

Chardonnay 2015, se riuscite a procurarvi qualche bottiglia delle poche rimaste, vi portate a casa un bianco di assoluta unicità : rappresenta la prima annata di produzione Vignis di Marian e la pazienza nell’averlo aspettato ci regala ora un risultato che parla con grande eloquenza. Si apre al naso con spontaneità e pulizia nei profumi: frutta bianca matura, floreale e cremoso, note di pasticceria e caramello; in bocca spicca la freschezza succosa, diventa più potente, imprime la sua personalità ormai matura fatta di sfumature leggermente speziate che ben si armonizzano al palato. Un vino intrigante, diretto al cuore.

Franco Visintin è un personaggio da conoscere, vignaiolo fortemente radicato sulla sua terra e la coltiva per trasferire nei suoi vini le sue emozioni, per comunicarle a chi li assaggia.

 

Via dei Conventi, 21D, 34072 Farra d’Isonzo GO
Cellulare anche su WhatsApp 375 6302439   
Mail  vignisdimarian@gmail.com  
Web www.vignisdimarian.it

 

Condividi su